Tornano in aula 6mila studenti delle superiori tra turni, divieti e rotazioni

12 Aprile 2021


Da oggi a scuola il 50 per cento degli 12.317 studenti dell’ultimo ciclo. Complessivamente tornano oggi sui banchi 6mila studenti delle superiori (a cui vanno sommati i 5mila circa delle seconde e delle terze medie di città e provincia). Impossibile definire un modello prevalente di rientro. Ogni istituto ha organizzato modalità e calendari in assoluta autonomia, ricalcando per lo più quanto già aveva provato a fare nei mesi scorsi. Oggi al liceo Colombini le porte si apriranno
per 660 studenti. Nel liceo di viale Beverora si va a classe intera. E cioè, altri 660 studenti, con le loro classi, saranno a casa a seguire le lezioni in dad.

Oggi rientrano le prime, una parte delle terze e le quinte. Domani toccherà alle seconde, la quota restante delle terze e le quarte. Seicentocinquanta ragazzi nelle aule dell’istituto Romagnosi e 250 al Casali di via Piatti da oggi. Anche qui, nel complesso diretto da Cristina Capra, classi intere e non spezzate, ma turnazione a base settimanale. Al liceo Respighi il 50 per cento della popolazione studentesca significa 600 ragazzi. Metà classe, all’incirca, in aula, e l’altra metà a seguire da casa. All’Isii Marconi-Leonardo tornano oggi in aula 850 studenti. Classi intere, rotazione quotidiana. Al liceo Gioia quasi 800 gli studenti in aula, l’altra metà (classe) a seguire da remoto. Turnazione settimanale, e ingressi spalmati su una finestra di 20 minuti. E ancora, il campus agrario Raineri-Marcora. Il 50 per cento equivale a 700 studenti, classi intere con turnazione quotidiana in accordo con le attività Da oggi sui banchi il 50 per cento degli 12.317 studenti dell’ultimo ciclo. Il nuovo divieto – “niente palestra” – e aule all’aperto didattiche dei laboratori. E un’aggiunta. Visto che sono in mezzo ai campi i ragazzi possono usufruire di 4 aule all’aperto.

IL SERVIZIO COMPLETO SU LIBERTA’ IN EDICOLA

© Copyright 2021 Editoriale Libertà