Poli dell’infanzia a Borgotrebbia e alla “Carella”: la giunta candida i progetti

08 Maggio 2021

Un doppio intervento per la creazione di due nuovi poli dell’infanzia: il primo, a
Borgotrebbia, dove verrebbe demolita la struttura che ospitava l’asilo nido “Oasi”
chiuso per ragioni di sicurezza nel 2017 e realizzata una nuova, su un unico livello,
che disponga di una-due sezioni di Nido ed una sezione di Materna, e il secondo
all’interno della Scuola “Carella”, in un contesto che, comprendendo anche la scuola
primaria, offrirebbe una soluzione, unica nella città di Piacenza, tale da coprire
l’intera fascia educativa 0-11 anni.

Sono questi gli obiettivi della giunta Barbieri, che ha approvato i documenti
progettuali, inseriti nel Piano triennale delle opere pubbliche del Comune di
Piacenza, volti all’ottenimento del finanziamento tramite partecipazione all’avviso
pubblico del Ministero dell’Interno e del Ministero dell’Istruzione (in attuazione del
Dpcm – 30 dicembre 2020).

I due interventi hanno un costo complessivo previsto di circa tre milioni e 800mila euro, su cui, come stabilito dal bando, sarà prevista una quota di compartecipazione del Comune di Piacenza.

“Come anticipato dal sindaco Barbieri e dall’assessore Passoni – commenta
l’assessore ai lavori pubblici, Marco Tassi – abbiamo predisposto questi due
progetti, inseriti come indicato dal bando, nel piano delle opere pubbliche, finalizzato
all’ottenimento del contributo che ci permetterebbe di realizzare due nuovi poli
dell’infanzia. In questo modo risponderemmo in modo concreto all’obiettivo di
migliorare la qualità urbana e dei servizi offerti, in particolare all’infanzia e alla
famiglie piacentine”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà