Maggio “pazzerello”: termometro in calo, grandine e neve sulle vette LE FOTO

14 Maggio 2021

“Marzo pazzerello” recita una filastrocca delle nonne, ma quest’anno aprile e maggio non sono da meno. Oggi, venerdì 14 maggio, quando mancano cinque settimane dall’inizio dell’estate, la neve è ritornata sul piacentino. Poca roba, una spruzzatina, e sopra ai 1.700 metri di quota, ma sufficiente a imbiancare le vette come monte Bue e monte Nero.

“La causa è da ricercare nei temporali che hanno interessato l’arco appenninico – spiega Vittorio Marzio di MeteoValnure.it – e che hanno generato un rovesciamento dell’aria fredda facendola scendere a quote più basse, portando lo zero termico attorno ai 1.700 metri di altitudine”. “Un lieve manto nevoso che sparirà presto – conclude l’esperto – perché a metà maggio l’irraggiamento solare è potente e la farà sciogliere in poco tempo”.

Temporali diffusi un po’ ovunque sul territorio, e una grandinata ha colpito nel pomeriggio la zona tra Castell’Arquato e Fiorenzuola.
La perturbazione nord-atlantica, origine del maltempo di ieri e oggi, domani si sposterà verso est, consentendo un miglioramento delle condizioni meteorologiche soprattutto in pianura, mentre sui rilievi rimarrà instabilità soprattutto pomeridiana.

Nella prossima settimana le temperature massime si attesteranno attorno ai 20 °C.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà