Respighiano dell’anno, premiate le giovani Usca: “Sul fronte come i ragazzi del ‘99”

12 Giugno 2021

Un riconoscimento collettivo nel segno dell’impegno corale contro la pandemia da Covid. Per la prima volta, stamattina, il premio “Respighiano dell’anno” – promosso dall’associazione “Amici del Liceo Respighi” per le figure meritevoli legate all’istituto di barriera Genova – è andato a un gruppo di ex studenti: sette giovani impegnati nelle Usca, le squadre sanitarie inviate a domicilio – casa per casa, paziente dopo paziente – a scovare e fronteggiare il virus. Nello specifico, a essere premiati come “Respighiani senior” per il 2021, sono Leonardo Anselmi, Francesca Botti, Camilla Dallospedale, Maria Giulia Grazioli, Chiara Maffi, Florenzo Moccia e Sara Resi. “Ricordiamo in maniera nitida il primo turno nelle Usca – raccontano Anselmi e Maffi – i tanti chilometri macinati per raggiungere una persona anziana, particolarmente debilitata, sotto quelle tute enormi. La riconoscenza della gente è stata la benzina che ha alimentato il nostro lavoro quotidiano”.

“Questi giovani operatori sanitari si sono trovati in prima linea nella lotta contro il Covid – spiega il presidente dell’associazione Ippolito Negri – un po’ come i ragazzi del ’99”, i coscritti negli elenchi di leva che nel 1917, durante la prima guerra mondiale, compivano diciotto anni e, dunque, potevano essere impiegati sul campo di battaglia.

Come “Respighiana junior”, invece, gli organizzatori della cerimonia hanno designato la maturanda Isotta Magistrali, studentessa al quinto anno premiata per l’ottimo rendimento, la disponibilità e la partecipazione alle attività dell’istituto piacentino. “Adesso la maturità si avvicina – commenta la ragazza – dopo l’anno di Covid, in parte l’esame si presenta in modo più semplice, senza le prove scritte, ma c’è tanta ansia dovuta alla frequenza sempre a metà tra la casa e la classe”.

L’associazione ha consegnato anche il “Respighiano dell’anno” 2020, indirizzato a Paola Bertola, docente di design al Politecnico di Milano, uscita dal liceo scientifico agli inizi degli anni Novanta e laureata in architettura, oggi coordinatore del dottorato di ricerca in design e nel 2011 insignita del prestigioso premio “Compasso d’Oro”. Bertola consiglia agli studenti di cogliere l’opportunità del liceo Respighi, che per lei – lo ricorda con un filo di emozione – “è stato fondamentale nella crescita professionale, perché mi ha permesso di conoscere due docenti illuminanti, il professor Tagliaferri e la professoressa Baiardi”.

IL SERVIZIO DI THOMAS TRENCHI:

© Copyright 2021 Editoriale Libertà