Il richiamo di Reggi: “Serve unità”. Presentata la nuova squadra della Fondazione

15 Giugno 2021

E’ un richiamo all’unità e al lavoro di squadra per il bene di Piacenza quello lanciato oggi, 15 giugno, da Roberto Reggi, neo presidente della Fondazione di Piacenza e Vigevano nel corso della presentazione del consiglio di amministrazione che lo affiancherà nei prossimi quattro anni alla guida dell’ente di via Sant’Eufemia. “Siamo consapevoli del privilegio di questo incarico, ma anche del momento difficile che ci prepariamo ad affrontare- spiega Reggi. Ho puntato su una squadra estremamente competente formata da componenti, che in diversi ambiti, hanno dimostrato professionalità e capacità progettuale. Il nostro obiettivo è proprio quello di costruire progetti di sistema e di visione”.

I membri del consiglio abbracciano i principali settori del tessuto sociale, culturale ed economico della città. Si tratta di Mario Magnelli, dirigente scolastico ed ex assessore provinciale, Luigi Cavanna e Fabio Fornari, entrambi medici, Robert Gionelli, delegato provinciale del Coni, Luigi Grechi, presidente di Confartigianato Lomellina, il medico Elena Uber, il direttore di Confindustria Luca Groppi e la direttrice di Confcooperative Nicoletta Corvi (designata come vicepresidente della Fondazione).

Il professor Luigi Cavanna, primario del reparto di oncoematologia dell’ospedale di Piacenza, nonché fautore delle cure a domicilio del Covid spiega: “E’ un momento solenne perché il consiglio si inserisce in un periodo particolare, abbiamo un peso enorme e ce la metteremo tutta per il nostro territorio”. Si aggiunge la voce del professore Fabio Fornari, ex primario di gastroenterologia dell’ospedale di Piacenza: “Dobbiamo pensare al post Covid, rimarginare le ferite e dare visione al futuro sul piano sanitario e sociale. Dobbiamo pensare a progetti di ricerca scientifica valorizzando le nostre Università e i giovani”. La vicepresidente Nicoletta Corvi aggiunge: “Abbiamo bisogno di energia positiva per smuovere le acque, il futuro sta nella capacità di costruire coesione. Ci deve essere un desiderio comune per costruire insieme”. Elena Uber, da una vita a contatto con gli “emarginati” sottolinea: “In momenti di crisi profonda di una comunità scatta lo spirito di rilancio e rinascita. Sogno una città nuova con una visione più solidale”. Grande novità del consiglio un’attenzione particolare verso i giovani e lo sport. Robert Gionelli, delegato provinciale del Coni spiega: “E’ un cambiamento epocale, per la prima volta la Fondazione riconosce la valenza sociale educativa dello sport”. Luigi Grechi, presidente di Confartigianato Lomellina aggiunge: “Mettersi al servizio degli altri significa ascoltare le esigenze e avere un atteggiamento propositivo e non conflittuale”. Il direttore di Confindustria Luca Groppi: “Il nostro territorio ha molte positività che dobbiamo fare emergere. Punteremo sulla progettualità”. Mario Magnelli, dirigente scolastico ed ex assessore provinciale: “Nell’ attività di promozione culturale c’è una grande identità del territorio”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà