“Iren ascolti i lavoratori”, mercoledì i sindacati protestano a Borgoforte

28 Giugno 2021

“Fermiamo il 177, Iren ascolti i lavoratori”. E’ questo lo slogan con cui i sindacati Fp Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti annunciano la protesta di fronte alla sede dell’azienda della nettezza urbana, in via Borgoforte in programma il 30 giugno dalle 10 alle 13. Uno stato d’agitazione per l’imminente entrata in vigore dell’articolo 177 del codice degli appalti che “obbliga le aziende che gestiscono i servizi pubblici essenziali ad appaltare almeno l’80% delle attività svolte oggi da personale interno – spiegano i rappresentanti dei lavoratori -. Inoltre, a Piacenza, questa mobilitazione si lega ad una vertenza aperta con Iren che vede uno stato di agitazione indetto da Fp Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti sulla gestione del personale”.

“E’ uno sciopero contro l’applicazione della 177 e contro Iren che non sostiene una occupazione di qualità nel settore – scrivono i sindacati in un volantino – scioperiamo per difendere e valorizzare l’efficienza e la qualità dei servizi che vanno a beneficio di tutti i cittadini”.

“E’ una norma pericolosa che andrà a discapito dei cittadini e dei Lavoratori, rinunciando alla qualità del servizio erogato che dovrebbe essere l’unica priorità. L’esternalizzazione forzata delle attività renderà vulnerabili i sistemi dei servizi, consegnandoli nelle mani di mercati esterni e di scontati appetiti. C’è una norma di legge che contestiamo, e contestiamo le forti esternalizzazioni che Iren pratica e la mancanza di corrette relazioni industriali. Tutto questo sta portando a una destrutturazione del settore”.

Per queste ragioni, aggiungono i sindacati, “chiediamo responsabilità a chi quotidianamente promette ai cittadini qualità nel servizio e tutele per i lavoratori. Chiediamo che si sviluppi l’economia circolare, così come previsto nel Pnrr, affinché il settore implementi la sua capacità impiantistica e diventi sempre più industrializzato. Come sindacati non siamo contrari al mercato, ma è necessario che esso sia regolamentato in modo da favorire l’aggregazione aziendale e quindi impedire l’eccessiva frammentazione, come l’articolo 177 impone”.

 

MERCOLEDI’ 30 GIUGNO ALCUNI SPORTELLI IREN CHIUSI A CAUSA DI UNO SCIOPERO NAZIONALE

Iren fa sapere che mercoledì 30 giugno, in occasione dello sciopero nazionale indetto per l’intera giornata dalle Segreterie Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil le normali attività dei servizi e degli sportelli aziendali potranno subire sospensioni o riduzioni.

Rimarranno chiusi gli sportelli di Scandiano, Castelnuovo Nei Monti, Bibbiano, Gualtieri in provincia di Reggio Emilia, Ponte Taro e Langhirano in provincia di Parma e Fiorenzuola D’Arda in provincia di Piacenza.

Nelle ore di sciopero saranno garantiti i servizi essenziali e saranno assicurate le prestazioni indispensabili a tutela della sicurezza, nel rispetto degli accordi applicativi della Legge 146/90, così come modificata dalla Legge n. 83/2000 e successive deliberazioni della Commissione di Garanzia che regolamentano l’esercizio del diritto di sciopero.

Le attività dell’Azienda riprenderanno regolarmente al termine dell’agitazione con l’adozione di tutte le misure organizzative necessarie a ripristinare la normalità.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà