Lesioni gravi per un operaio agricolo, titolare a processo. La difesa: “Tutto a norma”

02 Luglio 2021

Era scivolato sotto al trattore in movimento, rimanendo schiacciato dalla ruota posteriore incrinandosi costole e vertebre e finendo all’ospedale Maggiore di Parma in elicottero. Ora che l’operaio – un 66enne di Rottofreno – è guarito e tornato in forma, a finire in tribunale è il suo datore di lavoro con l’accusa di lesioni gravi.

Il fatto era avvenuto nel novembre del 2018 all’azienda Campogrande di Calendasco. Secondo l’accusa, sarebbe mancata al mezzo agricolo una maniglia a cui aggrapparsi, così come da verifica effettuata dalla Medicina del Lavoro dell’Ausl subito dopo l’infortunio. Ma la difesa punta invece all’assoluzione del titolare poiché un precedente controllo dell’Ausl ai vari mezzi avrebbe invece certificato che il trattore era perfettamente in regola.

“Il mio assistito credeva di essere in regola poiché il controllo non aveva fatto emergere problemi riguardo a quel trattore – fa notare l’avvocato difensore -. Più che seguire le indicazioni dell’Ausl, cosa avrebbe dovuto fare il titolare? Per questo chiederemo l’assoluzione”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà