Bonaccini: “Il Governo riveda i parametri per l’ingresso in zona gialla”

15 Luglio 2021

“Occorre seguire attentamente la recente crescita dei contagi, dovuta alla cosiddetta variante Delta: soltanto con le vaccinazioni si possono proteggere le persone e scongiurare il dramma dell’aumento dei ricoveri gravi e dei decessi. Quindi l’appello è a vaccinarsi”.

Lo ha spiegato il presidente della Regione Emilia Romana Stefano Bonaccini, intervenuto questa mattina (15 luglio) a Fiorenzuola in occasione dell’inaugurazione del nuovo Polo riabilitativo Emilia nord.

“Nei mesi scorsi – ha proseguito il governatore – non c’era la protezione che abbiamo oggi. In regione abbiamo superato un milione e 800mila vaccinati definitivamente e viaggiamo verso i quattro milioni e mezzo di somministrazioni di dosi. Bisogna convincere gli scettici: non vorrei che per colpa loro aumentino i contagi e i ricoveri, trovandoci a dover chiudere nuovamente ciò che con tanta fatica abbiamo riaperto”.

Sul Green pass Bonaccini si è rimesso a quella che sarà la decisione del Paese: “Non è che una regione può decidere per sé. Ieri ho suggerito di utilizzare la certificazione verde per riaprire i locali da ballo e le discoteche, per evitare che questi settori muoiano definitivamente. Discorso simile anche per quanto concerne impianti, stadi e palazzetti sportivi: se facciamo entrare solo quelli che non corrono alcun rischio per loro e per gli altri si potrebbe aumentare la capienza di spettatori, un modo per dare sollievo al settore sportivo”.

Sul possibile ritorno in zona gialla Bonaccini ha detto che “se si entra in zone colorate che comportano ulteriori restrizioni è chiaro che è un brutto colpo per quelle attività che sono costrette a chiudere. Come Regione abbiamo chiesto recentemente al Governo una rilettura dei parametri. Ci troviamo in uno scenario molto diverso rispetto a quando abbiamo iniziato a vaccinare – ha concluso Bonaccini -. Occorre equilibrio”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà