Pronto soccorso di Farini senza medico da mesi: “Ma non c’è volontà di chiuderlo”

30 Agosto 2021

Punto primo soccorso di Farini

Da mesi un medico non si vede al presidio di primo soccorso di Farini. “Sia in primavera, sia all’inizio dell’estate ho parlato con il direttore generale dell’Ausl, Luca Baldino, il quale mi ha dato massima garanzia sul fatto che non ci sia alcuna volontà di chiudere il servizio”, spiega il sindaco di Farini Cristian Poggioli.
“Di fatto, considerata la forte carenza di medici ovunque – aggiunge – al presidio è garantita la presenza altamente specializzata degli infermieri, 24 ore su 24, e non è poco. Mi sento di ringraziare chiunque si impegni per il nostro territorio, sia nel 118, che nella Croce Rossa e tra le fila preziosissime del volontariato”.
I cittadini sono però comprensibilmente preoccupati. Il volontario Pietro Masini ha scritto al quotidiano Libertà: “Questo centro di primo intervento non è solamente dedicato al comune di Farini, ma a tutta l’Alta Valnure e spesso alle zone limitrofe. Posso capire che esistano difficoltà a mantenere aperto un simile presidio dotato di medici specialisti del soccorso, ma mi pare che si sia fatto ben poco per garantire un servizio così importante in una vallata che, diversamente dalle altre della provincia, è totalmente priva di strutture ospedaliere e notevolmente distante dal pronto soccorso di Piacenza. Il massimo sarebbe avere un centro dotato di medico ed infermiere come fu in passato”.
IL SERVIZIO COMPLETO DI ELISA MALACALZA SUL QUOTIDIANO LIBERTÀ IN EDICOLA

© Copyright 2021 Editoriale Libertà