“Fauna selvatica fuori controllo”, l’allarme degli agricoltori a Bobbio

01 Settembre 2021

Arriva da Confagricoltura Piacenza una nuova denuncia sull’eterno problema della fauna selvatica fuori controllo.

Stavolta l’ennesimo allarme fa seguito a una lettera con la quale Obizzo e Currado Malaspina, la cui azienda vitivinicola di Bobbio è attiva dal 1772, richiedono un intervento di abbattimento della fauna. La lettera, inviata in agosto, è indirizzata al sindaco del paese, al presidente dell’Atc 9, al responsabile regionale per i piani di controllo della fauna selvatica e per conoscenza appunto a Confagricoltura.

Nella lettera si spiega come in località Sant’ Ambrogio di Bobbio, i vigneti, posti in riva al fiume Trebbia, nonostante le protezioni installate (recinto elettrificato), vengano invasi da branchi di cinghiali il cui numero è decuplicato nel corso degli ultimi due-tre anni.

“Basta pensare – si legge nella lettera – che fino all’anno 2015 non abbiamo mai recintato, in quanto i danni subiti erano irrisori rispetto al costo in attrezzature e manodopera per la realizzazione e il mantenimento della recinzione elettrica. Pertanto, Vi invitiamo con la massima sollecitudine a mettere a punto un piano di abbattimento efficace al fine di ridurre la proliferazione che a nostro modesto parere è indiscutibilmente fuori controllo di cinghiali, caprioli, daini, istrici un tempo inesistenti”.

IL SERVIZIO COMPLETO SUL QUOTIDIANO LIBERTA’ IN EDICOLA

© Copyright 2021 Editoriale Libertà