Ausl: “Terza dose per 2.500 ospiti nelle Rsa. Dopo 15 giorni l’antinfluenzale”

24 Settembre 2021

L’Ausl di Piacenza attende il via libera dalle autorità nazionali. “Dopodiché, fin da subito, siamo pronti a erogare le terze dosi di vaccino anti-Covid agli anziani ospiti nelle strutture residenziali in città e provincia, circa 2.500 persone”. Lo spiega la dottoressa Anna Maria Andena, responsabile del dipartimento di cure primarie. “In deposito abbiamo una quantità cospicua di fiale – aggiunge – non ci sono problemi organizzativi. Si può partire”.

Nelle prossime ore, il Cts darà le indicazioni definitive. Di certo c’è che, in autunno, l’erogazione della terza dose anti-Covid nelle Rsa corrisponderà allo stesso periodo dell’antinfluenzale. “Tra le due somministrazioni – chiarisce Andena – devono passare 15 giorni. Si cercherà di coordinarsi per garantire questa tempistica. I due vaccini sono compatibili, ma non possono essere iniettati nello stesso momento. E’ importante rispettare le due settimane di distanza”.

In questi giorni, gli uffici dell’Ausl di Piacenza hanno effettuato il censimento degli anziani nelle Rsa. “Occorre considerare – puntualizza la dottoressa – che la terza dose ha una scarsa probabilità di reazioni avverse”.

Dallo scorso lunedì, intanto, la somministrazione del richiamo contro il Coronavirus è partita per i pazienti fragili (in attesa di trapianto, chemioterapici o dializzati): sono oltre 500 i piacentini convocati dall’azienda sanitaria.

IL SERVIZIO DI THOMAS TRENCHI:

© Copyright 2021 Editoriale Libertà