Lunghe code per i tamponi in farmacia. Ugl: “In molti resteranno senza green pass”

17 Ottobre 2021

Domani inizia la settimana lavorativa e le farmacie piacentine aperte di domenica sono state prese d’assalto da decine di persone bisognose di un tampone per ottenere il green pass, obbligatorio per accedere ai luoghi di lavoro pubblici e privati.
Lunghe code e qualche malumore hanno accompagnato tutta la giornata.

Una situazione che ha portato il sindacato Ugl a lanciare un allarme: “Segnaliamo che in questo momento, alle 17.30 di domenica 17 ottobre 2021 – si legge in una nota – è pressoché impossibile per i lavoratori di Piacenza e provincia trovare una farmacia o un laboratorio presso cui fare il tampone ed avere il certificato verde. Molte farmacie sono, infatti, regolarmente chiuse come da turnazioni ordinarie; le farmacie nelle quali era possibile fare il tampone su prenotazione sono al completo; diversi lavoratori in alcune farmacie sono in coda da più di un’ora, sperando che tra un prenotato e l’altro, la farmacia riesca a fargli il tampone. C’è la seria possibilità – prosegue il sindacato – che resteranno invano in attesa fino all’orario di chiusura delle farmacie per poi andarsene senza tampone e, di conseguenza, senza certificato verde. Non si riesce cioè a fare quello che la legge prescrive, ma si subirà il divieto di accede ai posti di lavoro e la conseguente assenza ingiustificata, senza retribuzione alcuna che la stessa legge prevede. Abbiamo anche scoperto che il prezzo del tampone potrebbe oggi essere gravato da un ulteriore costo che deriva dalla legittima richiesta dei farmacisti di farsi pagare il diritto di chiamata, qualora la farmacia sia a battente chiuso”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà