Paura in piazza Cavalli: con un coltello in mano urla Allah Akbar e ferisce due persone

01 Novembre 2021

Un coltello in mano e le urla “Allah Akbar”. Un cittadino egiziano inseguito dalla polizia nella notte del 31 ottobre in centro storico, a Piacenza ha seminato paura e panico nella notte di Halloween. Una volta raggiunta piazza Cavalli, l’uomo sentendosi braccato, avrebbe preso in ostaggio un operatore della Geocart di 53 anni che stava prestando servizio di spazzamento notturno insieme a un collega. Da una prima ricostruzione, da una via laterale alla piazza, è sbucato il cittadino straniero che brandiva un coltello e gridava Allah Akbar. L’uomo, che era inseguito dalla polizia, avrebbe preso l’operatore della Geocart tentando di proteggersi dagli agenti e con un coltello avrebbe ferito il malcapitato a un gluteo. Per fortuna la vittima teneva il portafogli nella tasca del pantaloni, oggetto che avrebbe attutito la coltellata. Nelle fasi concitate l’operatore sarebbe caduto a terra riportando una ferita anche alla mano e l’incrinazione di una costola. Prima ancora il cittadino egiziano, un 34enne pregiudicato e clandestino, avrebbe ferito un poliziotto. L’aggressore è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà