“Esempio di integrità”: Alseno dedica a Silvio Novembre la sala consiliare

16 Novembre 2021

E’ da oggi, martedì 16 novembre, intitolata a Silvio Novembre la sala consiliare del Comune di Alseno. Maresciallo della Guardia di Finanza che fu braccio destro di Giorgio Ambrosoli nella drammatica gestione commissariale della Banca Privata di Michele Sindona, Novembre, scomparso a Milano nel 2019, condivise con l’avvocato Ambrosoli poi ucciso da un sicario della mafia italo-americana difficoltà e paure di quella sfida tra legalità e malaffare. Siamo tra il 1974 e il 1979, anno dell’omicidio di Ambrosoli.

Alseno ha voluto onorare la memoria del sottufficiale delle Fiamme Gialle che nel paese lungo la via Emilia era nato nel 1934 come “simbolo di etica civile integerrima – ha detto il sindaco Davide Zucchi – da tramandare alle giovani generazioni”. C’era alla cerimonia anche il comandante generale della Finanza, Giuseppe Zafarana, che ha sottolineato l’importanza delle prime inchieste sulla criminalità degli affari come apripista di una legislazione più severa in materia e di tecniche investigative adeguate. Erano presenti le figlie Isabella e Caterina e la nipote Francesca che, visibilmente emozionata, ha scoperto la targa dell’intitolazione ringraziando per l’iniziativa di ricordare la figura del nonno.

La cerimonia di intitolazione della sala consiliare si è tenuta nella sede del municipio del Comune di Alseno. Presenti anche il prefetto di Piacenza Daniela Lupo, il presidente della Provincia Patrizia Barbieri, il direttore di Libertà Pietro Visconti e le massime autorità civili e militari del territorio.

LE FOTO DI FABIO LUNARDINI

© Copyright 2022 Editoriale Libertà