Coronavirus, aumentano i ricoveri: ambulatori sospesi e interventi chirurgici ridotti

18 Gennaio 2022

La pressione sugli ospedali piacentini a seguito del Covid è quasi oltre la soglia, e per fronteggiare l’emergenza l’Ausl ha riorganizzato l’attività di ambulatori e sale chirurgiche. Per permettere all’Ausl di potenziare l’attività vaccinale con la disponibilità orarie dei professionisti sanitari, a partire da lunedì 17 gennaio, sono state sospese alcune prestazioni di specialistica ambulatoriale di odontoiatria, medicina dello sport, ecografia e ortopedia erogate da personale convenzionato. Si è proceduto a una rimodulazione delle attività ambulatoriali di dermatologia, oculistica, terapia del dolore e sono stati sospesi temporaneamente alcuni punti di prelievo territoriale. Per fronteggiare l’aumento di ricoveri di pazienti colpiti dal Covid-19 l’azienda ha temporaneamente diminuito di sette slot operatori l’attività settimanale del comparto operatorio dell’ospedale di Piacenza. Si tratta di prestazioni da eseguire senza priorità e per ora la riduzione riguarda le prossime quattro settimane, compatibilmente con l’emergenza epidemica. È previsto però, dall’altra parte, un potenziamento dell’attività per il comparto operatori dell’ospedale di Castel San Giovanni. Il direttore dell’Ausl Luca Baldino ha assicurato che tutte le attività chirurgiche urgenti sono garantite.

RICOVERI – I ricoveri sono aumentati di oltre il 70% in una settimana. Ad oggi, 18 gennaio, sono 190 i posti letto occupati da pazienti Covid. Anche le Terapie intensive sono sotto stress.

IL REPORT SETTIMANALE DELL’ASL

© Copyright 2022 Editoriale Libertà