“Bottega piacentina nel mondo”: vetrofania per cento negozi in Europa e America

03 Marzo 2022

Una cornice dorata, al centro il logo di “Piacenza nel mondo” e sopra una scritta: “Bottega piacentina nel mondo”. Sarà così la vetrofania che a breve un centinaio di attività piacentine sparse per l’Europa e l’America potrà esporre con orgoglio, a tutela delle proprie origini.

L’idea è venuta a Giovanni Piazza, presidente di “Piacenza nel mondo” che già da qualche tempo sta progettando un marchio che connoti le attività commerciali che usano prodotti piacentini o fanno preparazioni piacentine presenti in tutto il mondo: “Indicativamente potrebbero essere almeno un centinaio sparse tra Francia, Inghilterra, Germania, ma anche Canada, Stati Uniti, Cile e Argentina – spiega – anche se chiaramente per individuarle tutte dovremo farci dare una mano dalle associazioni di piacentini all’estero”.

L’idea è semplice: “Pensiamo a una sorta di regolamento – spiega ancora Piazza – che sia necessario per ottenere il marchio di “Bottega piacentina nel mondo”: ci stiamo lavorando e a breve dovrebbe essere pronto”. Eppure il progetto è già abbastanza chiaro: “Ho pensato a cosa si potesse intendere come “bottega piacentina” – va avanti il presidente di “Piacenza nel mondo” – cosa significa? Non è semplicemente una realtà gestita da piacentini, perché se fanno per esempio la pizza napoletana o dei piatti locali non sono botteghe piacentine. Lo sono invece quelle attività commerciali che fanno delle preparazioni di casa nostra o utilizzano prodotti che provengono dal nostro territorio”.

Questi dunque sono i destinatari: Piazza però ha anche già pensato alle modalità con cui strutturare il marchio. “Ho pensato a una vetrofania – spiega – poi se qualcuno volesse incorniciarlo si può anche pensare a un formato diverso. Ho preso in esame diverse bozze, diverse immagini, ma alla fine penso di averne trovata una semplice e d’effetto”.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà