Vincenzo vive in roulotte: “Sono 180esimo per le case popolari e senza acqua”

24 Aprile 2022

“La situazione per me è sempre più difficile e quando si vive su una strada, aspettare non è bello”. Sono le parole di Vincenzo Broda che da tre anni vive in una roulotte nel parcheggio di un centro commerciale alla periferia della città di Piacenza, con lui l’inseparabile cane Brando. Vincenzo 53 anni, è rimasto senza lavoro e si è trovato sulla strada e negli ultimi mesi dice che tutto si è complicato: “Ho fatto per il terzo anno consecutivo la richiesta per l’assegnazione di un alloggio popolare al comune, ma sono arrivato al 180esmio posto nella graduatoria, perché, non avendo figli, totalizzo pochi punti. La Caritas mi ha sempre aiutato e continua a farlo per mia fortuna, ma anche loro sono in difficoltà perché sono arrivati centinaia e centinaia di profughi e le loro difficoltà diventano anche le mie. Poi come se non bastasse la terribile siccità ha imposto la chiusura di fontane in tutta Italia, compresa quella da cui attingevo acqua per lavarmi e per cucinare.

TUTTI I DETTAGLI NELL’ARTICOLO DI ERMANNO MARIANI SUL LIBERTA’ 

© Copyright 2022 Editoriale Libertà