Scompenso cardiaco, a Castel San Giovanni presentata la rete di cure e controlli

18 Maggio 2022

Quali sono i sintomi dello scompenso cardiaco? Come ci si accorge e come ci si prende cura di un cuore “stanco”? Un cuore cioè che per cause di varia natura, primo tra tutti l’infarto, non è più in grado di pompare adeguatamente il sangue agli altri organi? Quanto è importante l’adozione di corretti stili di vita? E quanto è importante che il paziente si trasformi da soggetto passivo a parte attiva nella cura del proprio corpo?

Sono tutte domande finite al centro dell’incontro organizzato a Villa Braghieri in occasione della Giornata europea dello scompenso cardiaco. Una patologia cronica del cuore che, come hanno spiegato gli esperti, “non è guaribile ma è curabile”.

“La patologia cardiovascolare – ha piegato il direttore della cardiologia di Castel San Giovanni – è oggi tra le principali cause di morte e ospedalizzazione, ma il nostro messaggio è che può essere curata e che esiste un sistema di cura che l’Ausl e l’ospedale di Castello hanno messo in atto”.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà