A Bobbio Gruppo di acquisto solidale. “Pellet a 12 euro? Lo prenderemo all’estero”

29 Settembre 2022

“Io mi rifiuto di acquistare quindici chili di segatura a dodici euro anziché i cinque dello scorso anno”. Dalla rivolta di Giorgio Bertuzzi è partito un esperimento sociale a Bobbio.

Si chiama Gruppo di acquisto solidale, accorciato facilmente in Gas, sul modello di quelle partite a macchia di leopardo negli anni Novanta.

L’idea era contattare la gemellata di Bobbio in Austria, Ybbs, dove c’è una fabbrica di pellet, e ottenerlo a prezzi più bassi. “Anche il sindaco di Bobbio Roberto Pasquali ha contattato Ybbs, ma nulla, dicono che non lo hanno più quasi neppure per l’Austria. Le vendite sono state contingentate. Ora confidiamo nella Bulgaria, sono pronto a partire se necessario. Il prezzo potrebbe essere intorno ai 6 euro…”.

Aggiunge: “So che anche a Farini e Ferriere si stanno attrezzando, loro hanno contatti specifici con la Francia, tanti dall’Alta Valnure sono andati a vivere lì, si stanno aiutando”.

Per adesso le prenotazioni da Bobbio sono arrivate a 4 bilici, e ogni bilico ha 20 bancali. Intanto però c’è chi ci ha messo a disposizione il suo capannone, chi il muletto.

Il servizio di Elisa Malacalza oggi su Libertà

© Copyright 2022 Editoriale Libertà