La replica dell’Ausl: “A Bobbio il punto di primo intervento h24 rimane inalterato”

30 Settembre 2022

“All’Ospedale di montagna di Bobbio l’attività del punto di primo intervento non viene assolutamente interrotta e si mantiene il livello di servizio inalterato. L’emergenza territoriale 118 è presente sulle 24 ore con due equipe infermieristiche in orario diurno e un equipaggio sempre infermieristico di notte. Di notte e nelle giornate festive e pre-festive è presente un medico di continuità assistenziale. Di notte e di giorno, come ora, sarà sempre presente un medico h24, con le competenze necessarie per garantire le esigenze assistenziali dei cittadini che si recano all’ospedale di Bobbio e che, in assoluta sicurezza, troveranno appropriata risposta alle loro necessità”.

L’Ausl di Piacenza e il sindaco di Bobbio Roberto Pasquali intervengono così in riferimento alle preoccupazioni espresse da più parti a mezzo stampa e social.

“L’Ausl di Piacenza – si legge in una nota congiunta – ribadisce di agire sempre, prima di tutto, secondo il principio di sicurezza e di tutela della salute dei cittadini. Come in tutta l’Emilia Romagna, anche a Piacenza trovano applicazione i nuovi accordi siglati dalla Regione nell’ambito dei servizi di Emergenza urgenza, della medicina generale e dei medici di emergenza territoriale, tra le tante misure per affrontare la complessa tematica nazionale della carenza di risorse in ambito medico e, in particolare, nell’area emergenza urgenza. L’articolo fa riferimento, in particolare, all’intesa che riguarda i medici di emergenza territoriale (i cosiddetti Met). Da alcuni mesi, il nostro sforzo – evidenzia la direzione aziendale – è stato quello fronteggiare le crisi in un’ottica di sistema. Abbiamo sempre continuato a garantire risposte adeguate ai bisogni di salute della cittadinanza su tutto il territorio, senza ridurre i servizi”.

“Il contesto, come più volte evidenziato, è quello della difficoltà di reperire alcune figure in ambito medico, soprattutto nell’emergenza urgenza. Abbiamo cercato di far fronte a questo problema nazionale anche integrando con altre professionalità sanitarie mediche, sfruttando le opportunità che la Regione ci ha messo a disposizione con le nuove intese con le diverse tipologie di medici”.

“All’ospedale di Piacenza è confermato e potenziato il ruolo di riferimento (hub provinciale) per tutte le patologie tempo dipendenti, ovvero quelle necessità sanitarie (quali ictus, infarti, traumi gravi,..) urgenti che possono mettere il paziente in pericolo di vita. Allo stesso modo, come già accade oggi, sul capoluogo sono concentrati tutti i casi pediatrici, psichiatrici e l’assistenza alla donna in gravidanza. Inoltre, l’applicazione degli accordi regionale ha già consentito all’Azienda di sviluppare e consolidare nel Pronto soccorso di Piacenza ulteriormente l’attività dell’ambulatorio a bassa complessità assistenziale (Abc), per ridurre il fenomeno del sovraffollamento.
Negli ospedali di Castel San Giovanni e Fiorenzuola nulla cambia rispetto all’attuale offerta: l’attività del Pronto soccorso continua a essere garantita sulle 12 ore diurne”.

“Il percorso che questa Azienda ha attivato – conclude la nota – per fronteggiare la scarsità contingente delle risorse mediche specialistiche ha come cardine e principio fondamentale la tutela della salute e la sicurezza dei cittadini, che non sono derogabili”.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà