Il cimitero di Sarturano restaurato dal parroco. Ma la Soprintendenza lo stoppa

23 Gennaio 2024 07:00

Ci ha messo i risparmi di una vita, di tasca sua – 100mila euro – e lo ha fatto non per costruirsi una casa ma per pensare ai morti di un piccolo paese come Sarturano, in Valluretta, comune di Agazzano. In fondo, ha sempre pensato, è da come si trattano i morti che si vede il livello di civiltà dei vivi.

Ma lo slancio di monsignor Marco Giovanelli per salvare il camposanto dall’incuria non è andato giù a tutti, tanto che è stato oggetto di un ricorso alla Soprintendenza: e questa non solo ha bloccato il cantiere a un passo dalla fine, ma ha anche bocciato le sante Agata, Cecilia, Apollonia, Caterina, Lucia rappresentate con colori troppo moderni agli occhi di chi tutela ogni bene pubblico che abbia superato i cinquant’anni di età.

Il sindaco di Agazzano Maurizio Cigalini spiega che i lavori, in realtà, possono ricominciare: “Il progetto è stato ritenuto ora compatibile, può essere terminato”. Anche lui pensa che ci vorrebbero più monsignor Giovanelli per avere cura dei luoghi sacri e dei morti. Poi, alla domanda diretta se dovranno essere tolte le raffigurazioni delle sante, non conferma e non smentisce. 

L’ARTICOLO DI ELISA MALACALZA SU LIBERTÀ

© Copyright 2024 Editoriale Libertà

Whatsapp Image

Scopri il nuovo Canale Whatsapp di Libertà

Inquadra il QRCODE a fianco per accedere

Qrcode canale Whatsapp