Le illusioni della tv. Il regista Garrone al Bobbio Film Festival con “Reality”

04 Agosto 2013

20130804-214221.jpg

Un brillante pescivendolo di Scampia fa un provino per il Grande Fratello, si convince di essere idoneo per il programma e da quel momento si sente “sotto osservazione” tanto da stravolge la sua vita e quella della sua famiglia con conseguenze drammatiche. La pericolosità dell’illusione creata dal piccolo schermo è il filo conduttore di “Reality”, l’ultimo film del regista romano Matteo Garrone, già noto, tra gli altri, per “Gomorra” e “L’imbalsamatore”. “Ho realizzato questo film perché è quanto accaduto realmente a una persona che conosco” ha rivelato il regista. Prima della proiezione della pellicola, vincitrice del premio della giuria a Cannes, Garrone ha incontrato gli studenti del corso di critica cinematografica durante il Bobbio Film Festival ed ha raccontato la sua carriera, dalla passione per la pittura, alla gestione di un bar fino al mondo del cinema, il lavoro alla regia, il rapporto con gli attori e tanti retroscena delle pellicole. Ma quanto la critica influenza il lavoro di un regista? “Poco” ha commentato lapidario Garrone che sul suo nuovo film non vuole anticipare nulla: “Ho già in mente il soggetto ma per scaramanzia non ne parlo”.

20130804-214440.jpg

© Copyright 2021 Editoriale Libertà