Dopo gli insulti razzisti

Omar Daffe, l’abbraccio più bello dai suoi piccoli calciatori: “No al razzismo”

29 novembre 2019

Dopo essere stato nominato cittadino onorario di Agazzano, il portiere della squadra del paese Omar Daffe (come noto divenuto bersaglio di insulti di stampo razzista nel corso di una sfida di Eccellenza, disputata a Bagnolo in Piano) ha ricevuto il dono più bello che potesse esserci. Daffe, nel pomeriggio di venerdì 29 novembre, si è recato come sempre al campo di allenamento di San Nicolò, dove ricopre anche il ruolo di tecnico dei ragazzini più giovani: una seduta molto particolare, che si è aperta con un abbraccio collettivo da parte dei suoi “uomini” presentatisi con il volto colorato di nero. Probabilmente il momento più emozionante e toccante di una settimana che Daffe difficilmente scorderà.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Provincia Sport

NOTIZIE CORRELATE