Impianto di via Molinari

La Libertaspes scrive al Papa: “Ente religioso ci sfratta dal Calamari”

5 giugno 2020

Di lasciare lo storico campo Calamari di via Molinari non ne ha alcuna intenzione. Perciò la società dilettantistica di calcio Libertaspes ha deciso di rivolgersi persino al Sommo Pontefice: “Caro Papa Francesco, lo sapevi che a Piacenza c’è un ente religioso che sfratta i poveri per far posto ai ricchi? – esordisce la lettera firmata dalla dirigenza sportiva – Si può sintetizzare purtroppo in questo brutto concetto la vicenda che ha come protagonista la Libertaspes (pronipote diretta della gloriosa Libertas, 75 anni di storia), che viene cacciata dal proprio campo, il mitico Calamari, dall’ente religioso proprietario della struttura, l’Opera Pia Alberoni, intenzionato ad affidarla a un altro gruppo di persone. La ragione? I nuovi gestori sono più facoltosi di quelli attuali e hanno promesso di effettuare lavori di restyling e messa a norma dell’impianto, che in effetti è ammalorato dagli anni (più di mezzo secolo di vita) anche se tuttora in piena efficienza”.

“Nulla importa ai proprietari del Calamari (che pure sono un ente religioso, addirittura un’Opera Pia con finalità di aiuto ai meno abbienti) – prosegue il testo inviato al Papa – di buttare fuori di casa una realtà sportiva che rappresenta centinaia di famiglie del quartiere e della città, che fa giocare a calcio circa duecento ragazzini, che rappresenta storicamente l’oratorio della vicina chiesa del Corpus Domini. Chi gestisce attualmente l’impianto è un gruppo di amici appassionati: non ci sono ricchi sponsor, ma solo persone semplici che amano il calcio nella sua forma più pura, cioè quella giovanile e dilettantistica”.

“SPERIAMO CHE IL PAPA CI AIUTI A RESTARE AL CALAMARI” – La Libertaspes ricorda come, nel corso degli anni, abbia sempre avuto cura del campetto di via Molinari, intervenendo a proprie spese per i problemi più urgenti, “mettendo mano al portafoglio più volte per mandare avanti un punto di riferimento importante per il quartiere, agendo nel più nobile spirito del volontariato per portare avanti un’attività sportiva che parte dai più piccoli (con la scuola calcio) e arriva fino agli adulti con lo stesso spirito amatoriale, con la stessa etica, con gli stessi valori. Tutto questo però viene spazzato via e la LibertaSpes tra pochi giorni sarà costretta a trasferirsi su un campo di periferia abbandonando la propria storica casa”. La società sportiva, quindi, fa un appello a Papa Francesco: “Speriamo che tu possa in qualche modo fermare questa decisione ed evitare che tanti anni di passione e sacrifici vengano mortificati da una decisione difficilmente comprensibile, tanto più se assunta da un ente che dovrebbe avere a cuore i giovani e le persone meno abbienti”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Piacenza Sport

NOTIZIE CORRELATE