Kick Boxing, Yama Arashi “pigliatutto”: nove titoli regionali e due argenti

30 Dicembre 2021

Nove ori e due argenti per una spedizione ridotta con dieci atleti effettivi, la metà di quelli iscritti. Sono questi i numeri positivi della Yama Arashi al campionato regionale emiliano romagnolo di kickboxing sotto l’egida della Federkombat. Per la manifestazione di Viserba (Rimini), il sodalizio piacentino aveva iscritto 20 atleti per 24 presenze in tabellone complessive, dovendo poi cancellare in extremis tante partecipazioni per mancanza di avversari.

“La pandemia non ha ancora finito di creare problemi – osserva Gianfranco Rizzi, direttore tecnico della Yama Arashi – credo che la scarsa affluenza al regionale sia dovuta a due aspetti: indubbiamente molti genitori hanno ancora paura del Covid-19 e non hanno permesso ai figli di partecipare alla competizione, ma ancora più determinante è il fatto che molte classi scolastiche in Emilia Romagna hanno studenti in quarantena e quindi non potevano essere presenti a Viserba”. In ogni modo, ottimi i risultati della Yama Arashi, con la spedizione seguita dai tecnici Erika Boselli, Davide Colla e Gianfranco Rizzi.

Nel Point Fighting, successi per Linda Barbazza (limite dei 60 chilogrammi nelle cinture blu marroni nere) e Andrea Contardi (stessa categoria nelle cinture gialle arancioni verdi). Doppio oro per Natalia Coeva al limite dei 60 chilogrammi, a segno nelle cinture blu marroni nere sia nel Kick Light sia nel Light Contact. Quest’ultima specialità ha regalato a Piacenza altri cinque ori: Tommaso Ferrari al limite dei 69 chilogrammi (cinture blu marroni nere), Atanas Galabovsky nei -65 chilogrammi (cinture gialle arancioni verdi), Camilla Baciotti e Simone Boselli entrambi al limite dei 60 chilogrammi nelle cinture gialle arancioni verdi, categoria dove ha vinto anche Kiril Zarev al limite degli 80 chilogrammi.

A completare il quadro, gli argenti – sempre nel Light Contact – di Alfredo Fontana (-79 chilogrammi cinture blu marroni nere) e Valentina Favaretto (-60 chilogrammi cinture gialle arancioni verdi).

 

© Copyright 2022 Editoriale Libertà