Festa della Liberazione, stasera su Telelibertà le voci per non dimenticare

25 Aprile 2021

L’orrore della guerra attraverso gli occhi, la voce e i ricordi di tre piacentini: Bruna Bongiorni, il giornalista Giacomo Scaramuzza e l’internato militare Enrico Malacalza. Sono le testimonianze che Telelibertà propone nell’anniversario della liberazione d’Italia dal regime fascista e dal nazismo, nello speciale tv – a cura di Thomas Trenchi – in programma stasera (25 aprile) alle ore 20 sul canale 98 del digitale terrestre.

Tre interviste per raccontare il significato più profondo del 25 aprile, a partire dall’esperienza di una donna al tempo della guerra: “Abbiamo capito solo dopo cosa significava – dice Bongiorni nel video – i giovani partivano e noi restavamo sole, a casa, sotto i bombardamenti”. Sono parole potenti, che non lasciano indifferenti, quelle di chi ha vissuto certe esperienze durissime sulla propria pelle. Ne è un altro esempio Scaramuzza, che la guerra l’ha vissuta e raccontata come ufficiale degli alpini, partigiano in Valnure e brillante giornalista che contribuì a rifondare il quotidiano “Libertà” dopo il regime fascista. La sua testimonianza, inclusa nello speciale di Telelibertà, è stata raccolta qualche anno fa dal cineclub “Cattivelli”.
Spazio infine al bobbiese Malacalza, che all’età di 20 anni venne rinchiuso dai tedeschi in un campo di concentramento in Polonia: la sua storia è un appello a non dimenticare.

Le repliche sono in programma lunedì alle ore 9 e 18.15, sempre sul canale 98 del digitale terrestre.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà