Alpini, quattro mesi all’Adunata nazionale. Collocate finora 50mila penne nere

11 Gennaio 2013

E’ da un anno che il Comitato organizzatore si sta dedicando ogni giorno all’Adunata nazionale degli alpini in programma l’11 e il 12 maggio a Piacenza. Un evento ineguagliabile. Trecentocinquantamila persone sono attese durante la settimana, centomila penne nere sfileranno da via Beati a Barriera Genova dalle 8.30 alle 20 di domenica 12. Per accoglierle città e provincia si sono mobilitate. Cinquecento alpini piacentini volontari, saranno impegnati nella manifestazione e nella gestione delle aree che dovranno essere sorvegliate 24 ore su 24. Il COA, comitato organizzatore dell’adunata, insieme a Comune e Provincia, ha individuato 14 aree attrezzate, 10 alloggi collettivi, 32 palestre e tutte le parrocchie hanno fornito gli spazi a disposizione per accogliere gli alpini. Al momento ne sono stati collocati 50mila. Molti arriveranno il giorno stesso, altri troveranno accoglienza in strutture messe a disposizione dai comuni della provincia e raggiungeranno la città in autonomia oppure grazie al potenziamento degli autobus extraurbani. Il comitato aveva lanciato un appello agli imprenditori che hanno a disposizioni grandi capannoni vuoti, e l’iniziativa “Adotta un alpino”, al momento ha collocato 150 penne nere.

Bruno Plucani, presidente provinciale dell’ANA ha spiegato che l’iniziativa ha avuto maggiore riscontro in provincia che in città.

Il costo complessivo stimato per l’evento è di un milione e mezzo di euro, il Comune ha stanziato 850mila euro, la Provincia 200mila, il resto è coperto da sponsor e privati. L’indotto che si attende dalla manifestazione è notevole. La città di Piacenza, il 12 maggio sarà praticamente chiusa per consentire la sfilata che prevede l’ammassamento nell’area ex Unicem, la partenza da via Beati, il transito sullo stradone Farnese e lo scioglimento a barriera Genova. Piacenza si preparerà alla grande adunata con una serie di eventi, il primo è previsto la sera del nove marzo alla sala dei Teatini con l’esibizione di coro alpino Valtidone e coro Ana Valnure.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà