Tsunami 5 Stelle sopra il 20%: “E se ci fosse stato il comizio di Grillo…”

26 Febbraio 2013

Andrea Gabbiani (Movimento 5 Stelle)

Lo tsunami grillino si è abbattuto anche su Piacenza e seppure il Movimento 5 Stelle non porterà in parlamento nessuno dei tre candidati del nostro territorio, la soddisfazione dei piacentini è comunque tanta. “Sinceramente ci aspettavamo un ottimo risultato – afferma il consigliere comunale di Piacenza, Andrea Gabbiani – ma non di queste proporzioni: stare in mezzo alla gente e portare nelle istituzioni la loro voce è la tattica vincente. Adesso i nostri a Roma devono lavorare sodo e non sgarrare, altrimenti tornano a casa: solo così si può davvero rinnovare la politica, anche dal suo interno”. Chissà che risultato sarebbe arrivato se il comizio-tour di Beppe Grillo fosse passato anche da Piacenza, dove comunque i grillini veleggiano tra il 21 e il 22 percento: “Qualche punto in più di sicuro – spiega – ma siamo già molto contenti così. Non c’è bisogno di ricordare come il nostro movimento sia fortemente legato alla figura del suo fondatore”.

PAPARO (PDL): BERSANI VINCEVA 3-0 E HA PERSO –Prosegue la serie di commenti post voto. L’assessore provinciale Andrea Paparo (Pdl) attacca il centrosinistra: “Il nostro concittadino Pierluigi Bersani è riuscito a perdere, nonostante vincesse 3-0 a dieci minuti dalla fine della partita”. Un altro azzurro, Fabio Callori, candidato al Senato, ringrazia tutti gli elettori: “La coalizione di centrodestra è riuscita sul territorio piacentino a raggiungere un sostanziale pareggio con quella di centrosinistra al Senato e di vincere invece lo scontro diretto alla Camera. Questo – aggiunge – deve essere un punto di partenza: in campagna elettorale ho avuto l’occasione di incontrare molte persone, di conoscere da vicino i problemi della gente, di raccogliere richieste e suggerimenti e di prendere impegni. Ebbene intendo confermare il mio impegno diretto per portare avanti tutte la battaglie in cui ho deciso di impegnarmi, riconfermando così quella che è la vera natura del Pdl, un partito per la gente capace di stare in mezzo alla gente e di impegnarsi concretamente per migliorare la vita dei cittadini indipendentemente dall’esito di una tornata elettorale».
Il leghista Pietro Pisani guarda verso il Movimento 5 Stelle: “Siamo rimasti allo zoccolo duro, ora dobbiamo ripartire da quello con proposte concrete per recuperare i nostri ex elettori che hanno scelto Grillo”. Alla sede del Carroccio anche l’ex deputato Massimo Polledri, non candidato a questa tornata elettorale, che non ha voluto rilasciare nessun commento.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà