Gioco d’azzardo patologico, pazienti in crescita. Avanzi: “Molti non chiedono aiuto”

03 Marzo 2016

gioco-azzardo

Sono 157 i pazienti che nel corso del 2015 hanno chiesto aiuto al Sert per avviare un percorso di cura contro il gioco d’azzardo patologico. Dal 2011 ad oggi i pazienti sono in continuo aumento. Si è passati dagli 86 del 2011, per poi salire a 106, 144, 154 e infine arrivare ai 157 del 2015.

“Questi numeri non esprimono il reale problema sul territorio piacentino – ha detto il dottor Maurizio Avanzi del Sert di Cortemaggiore – perché le persone che chiedono aiuto sono solo una piccola minoranza”.

Il gioco d’azzardo patologico non è ancora stato inserito nei livelli essenziali di assistenza, ma il Dipartimento di Salute Mentale dell’Ausl di Piacenza ha comunque deciso di dedicare delle risorse alla cura di questa patologia.

Il percorso di cura dei pazienti può anche essere molto lungo: “Ci sono pazienti che non hanno altri tipi di problemi e riescono ad uscirne anche in 6mesi-1anno, poi ci sono pazienti che dobbiamo seguire anche per 3-4 o 5 anni e infine ci sono quei pazienti il cui obiettivo sarà sempre quello di ridurre il danno economico”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà