Zolla di Expo: “Riportarla a Piacenza costa 100mila euro”

17 Marzo 2016

zolla

Ats Piacenza per Expo è destinata a chiudere, presto chiuderemo il bilancio. I conti sono in sostanziale equilibrio, ma essendo un’associazione temporanea di scopo dedicata ad Expo 2015, Ats chiuderà e Piacenza dovrà quindi pensare a un nuovo strumento per mantenere vivo il percorso fatto per portare la nostra città in vetrina alla manifestazione universale, da maggio ad ottobre 2015″.

A parlare è Angelo Manfredini, intervenuto in rappresentanza di Ats in Comune questa mattina per la conferenza stampa di bilancio dell’esperienza di piazzetta Piacenza ad Expo 2015 di Milano. Oggi è stato presentato un volume contenente il resoconto di tutte le iniziative di promozione del territorio piacentino.

Ancora incerto il futuro di piazzetta Piacenza, ovvero la zolla posizionata a pochi passi da padiglione Italia durante il grande evento.
“Ats e il suo presidente Ferrari stanno trattando per mantenerla a Milano come sede di promozione del territorio, seppur priva della scritta Piacenza. Se l’organizzazione milanese non concederà questa possibilità, la zolla tornerà a Piacenza, probabilmente al museo dell’agricoltura, anche se il trasferimento comporterà dei costi” ha affermato Manfredini. A suo avviso i costi del trasferimento dipendono da molti fattori: “Una stima provvisoria ha sfiorato i 100mila euro“.

Il sindaco Paolo Dosi ha garantito la volontà di “far proseguire la collaborazione tra i soggetti istituzionali e non” protagonisti della macchina organizzativa piacentina di Expo 2015. “L’obiettivo comune è valorizzare il territorio, ma dobbiamo ancora stabilire le modalità di collaborazione”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà