Corso, torna il doppio senso con una ciclabile. Stradone, via i “biscotti”

20 Luglio 2017

Corso Vittorio Emanuele, si torna all’antico nel tratto tra il Pubblico Passeggio e il Dolmen, oggi a senso unico. La giunta comunale guidata dal sindaco Patrizia Barbieri ha stabilito di porre fine alla sperimentazione e di tornare all’assetto viabilistico precedente all’aprile del 2016, quando venne deliberata la modifica.

“Preso atto a più di un anno di distanza del fallimento dell’assetto sperimentale attuale – spiega l’assessore alla Viabilità, Paolo Mancioppi – si è deciso di ripristinare l’assetto precedente con il doppio senso di circolazione sul Corso, realizzando in completa sicurezza una pista ciclabile monodirezionale sul lato est della via, diretta verso piazzale Genova. Il provvedimento adottato oggi prevede anche la riproposizione degli spazi di carico e scarico merci, di sosta a rotazione a pagamento e di sosta per le persone diversamente abili”.

Altro tema di polemica di questi mesi: il traffico scaricato su via Venturini. “Continuerà a essere a senso unico – aggiunge Mancioppi – ma, tornando allo stato precedente alla sperimentazione, sarà notevolmente alleggerita dai volumi di traffico che ne hanno fatto una camera a gas, grazie al doppio senso di circolazione sul Corso e all’istituzione del senso unico tra Stradone Farnese e la stessa via Venturini in prossimità del Dolmen”.

La giunta ha inoltre deciso di consentire il transito a solo due linee di bus sul Corso, rispetto alle cinque in essere durante il periodo pre-sperimentale. I lavori, che prenderanno il via a breve, termineranno prima dell’inizio delle scuole.

Novità anche per lo Stradone: “Verranno rimossi i due panettoni in prossimità di via Santa Franca e via Torta, giudicati pericolosi per pedoni, automobilisti e ciclisti. Il ripristino dell’assetto precedente alla sperimentazione è un primo punto da cui ripartire per una valutazione che ricomprenda un assetto viabilistico complessivo di tutta la zona”, conclude Mancioppi.

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà