L’antica Piacenza e il porto sul Po stasera alle 21 a Quarta Dimensione

28 Gennaio 2021

È vero che Piacenza ebbe un antico e importante porto sul Po in epoca romana e medievale? Cosa rimane oggi di quell’antico insediamento fluviale? Fino a quando le navi hanno attraccato lungo i moli e le darsene della nostra città? Dove si trovava l’antico porto piacentino? È vero che si attestava sull’antico canale Fodesta e coincideva con l’attuale Quartiere di S. Agnese? Quanto era grande la Fodesta? È vero che nei secoli XIV e XV i Visconti di Milano vi avevano allestito una base navale per la loro flotta di galee?

Queste domande, insieme a molte altre, troveranno risposta questa sera alle  21 su Telelibertà, nel corso di una nuova puntata di “Quarta Dimensione”. Il programma, condotto da Manrico Bissi, accompagnerà il pubblico in un viaggio a tema fluviale, alla scoperta dell’antico porto padano di Piacenza: una struttura vasta e articolata, di cui si hanno le prime tracce già in epoca romana e che conobbe poi la sua massima attività nel corso del Medioevo, quando il Po fungeva da vera e propria arteria idrica per l’attraversamento della Val Padana e per i collegamenti con l’Adriatico. Le ultime glorie del porto piacentino si ebbero comunque nel primo Ottocento, quando dai nostri cantieri navali fu varato il battello a vapore “Maria Luigia”, passato alla Storia per la sua lunga crociera fluviale e marittima da Piacenza fino al porto tirrenico di Ostia

© Copyright 2021 Editoriale Libertà