Festa della musica: davanti al Municipale l’esibizione degli studenti del Respighi

16 Giugno 2021

Per celebrare la Festa della Musica 2021, lunedì 21 giugno alle 18.30 è in programma un appuntamento speciale del progetto #AperiOpera, nato dalla collaborazione tra teatro Municipale e liceo Respighi di Piacenza.

Inserito nel calendario degli eventi nazionali per la giornata del 21 giugno 2021, in collaborazione con Aipfm, Associazione italiana per la promozione della Festa della Musica, l’evento segna il ritorno al teatro Municipale, dopo l’interruzione dovuta alla pandemia, degli studenti del Liceo Scientifico Respighi iscritti al percorso di studi a curvatura musicale in collaborazione con il Conservatorio Nicolini di Piacenza.

Sarà un momento di intrattenimento musicale all’aperto, davanti al teatro Municipale, ad accesso libero e senza posti a sedere, nel rispetto delle norme anti Covid. I giovanissimi allievi musicisti, diretti dal maestro Gianluca Feccia, saranno gli interpreti di pagine di Johann Sebastian Bach, Georg Friedrich Haendel, Pietro Mascagni, Madeleine Dring, a cui si aggiungerà anche un brano composto da Isacco Marchesi, studente del liceo Respighi.

Dopo il successo delle presentazioni delle opere della Stagione 2019/2020 – La bohème e Falstaff – il progetto #AperiOpera, che si era dovuto interrompere per la chiusura dei teatri, fa dunque il suo ritorno in occasione della Festa della Musica, quale ideale messaggio di rinascita della cultura dopo il lockdown, nello spirito della grande manifestazione musicale europea che si tiene il 21 giugno di ogni anno, giorno del solstizio d’estate, con eventi gratuiti disseminati in strade, piazze, luoghi d’arte e non solo.

Lanciata in Francia nel 1982, la Fête de la Musique è diventata un autentico fenomeno che si iscrive ormai in un contesto che coinvolge numerose città in tutto il mondo.

Per l’occasione, lunedì 21 giugno anche il foyer e la platea del Teatro Municipale rimarranno aperti e visitabili al pubblico, dalle ore 17 alle ore 18.30.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà