“Tutta la mia stima per Zaki”. Nell’arte di Scimon la lotta per i diritti umani

20 Luglio 2021

Una damigiana con il volto di Patrick Zaki – l’attivista, studente dell’Università di Bologna arrestato dalle autorità egiziane lo scorso febbraio 2020 e tuttora detenuto in Egitto – diventa un’opera d’arte simbolo della lotta per i diritti umani nel mondo.

Scimon, alias dell’artista Simone Sbaruffati, piacentino d’adozione, l’ha realizzata con un misto di emozione e ispirazione per una mostra d’arte – promossa dall’associazione culturale “Adelante!” con Amnesty International Lombardia e Libreria Sommaruga – che esponeva, con il suo, i lavori di 26 artisti toccati dal coraggio dell’attivista.

“Ho voluto trasportare sulla damigiana tutta la mia stima nei confronti di Patrick” spiega Scimon. “Il suo viso è diventato un’immagine iconica, quei suoi occhiali tondi mi ricordano quelli di John Lennon e Mahatma Gandhi tra i grandi personaggi della Storia che hanno lottato per la libertà e l’uguaglianza di tutti”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà