“Credere nelle Pmi”, Camisa conclude l’incarico di vicepresidente di Confapi

02 Agosto 2021

Per Cristian Camisa si conclude l’incarico di vicepresidente nazionale di Confapi Industria. Il piacentino ha ricoperto il ruolo per un anno e mezzo, ma ora gli organi sono scaduti. Riconfermato il presidente nazionale Maurizio Casasco, il 9 settembre ci sarà il rinnovo delle altre cariche direttive e non è detto che non si riapra la strada di Roma anche per l’imprenditore del nostro territorio.

E Camisa in questo suo mandato non ha mai dimenticato di essere piacentino, racconta lui stesso. Tanti gli incontri con i ministri Giorgetti, Orlando, Di Maio. Dal tavolo dell’automotive alla forte preoccupazione delle nostre imprese per l’introduzione della Plastic Tax, alla posizione sugli ammortizzatori sociali a favore dello slittamento del blocco dei licenziamenti, sono stati i momenti salienti del mandato in cui, insieme ad altre voci, si è lavorato per vantaggi spesso anche locali, riferisce lui stesso, per esempio sul fronte dei ristori alle città più colpite da Covid, Piacenza ha poi ottenuto 17 milioni.

E nei confronti della ripresa che l’Italia sembra imboccare con passo più deciso di Francia e Germania, non ha dubbi che sia vincente il modello della piccola e media impresa, che diversamente dalla grande, pronta a tagliare posti di lavoro e a cambiare sede di fronte ai segni meno, tiene ben salde le proprie risorse umane ed è più flessibile nel ripartire. “Ho sempre creduto nel modello delle Pmi, perché o cambiamo il sistema Paese, o le valorizziamo e smettiamo di denigrarle”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà