ApP, ecco il programma: “Pagare la pista carri dell’ex Pertite per sbloccare l’iter”

06 Maggio 2022

Attivare le consulte di zona, istituire le pattuglie di quartiere e le piccole squadre di manutenzione quotidiana delle aree pubbliche, rilanciare la figura dell’agente accertatore per le verifiche nelle case popolari, migliorare la manutenzione delle aree sgambamento e realizzare la “bicipolitana” con piste ciclabili in sedi proprie. Ma non solo.

Ecco il programma di Alternativa per Piacenza, presentato stamattina in municipio, con il candidato a sindaco Stefano Cugini. Un pacchetto di promesse che nasce da oltre un anno di confronto tra i militanti del centrosinistra, salvo poi la spaccatura che ha portato a candidare da una parte Katia Tarasconi con il Pd e dall’altra appunto Cugini nella coalizione di Alternativa per Piacenza. “La sovrapponibilità dei programmi è un valore aggiunto – commenta Cugini – le differenze, però, sono evidenti nel metodo politico”.

Sulla partita dell’area ex Pertite, un nodo importante da sciogliere per il futuro di Piacenza, la coalizione di Cugini avanza l’ipotesi di “pagare la pista prova carri con il consistente avanzo di bilancio del Comune per sbloccare l’iter e trasformare il terreno in un parco pubblico”.

Alternativa per Piacenza, inoltre, propone un riordino degli assessori con nuove deleghe come la giustizia sociale, ripresa e resilienza, transizione ecologica.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà