Per il candidato sindaco Botti “Il nuovo ospedale non è la priorità per Piacenza”

24 Maggio 2022

“In base a quello che sappiamo e a quello che ci ha insegnato la pandemia il nuovo ospedale non è la priorità per Piacenza” con queste parole il candidato sindaco Maurizio Botti espone quello che definisce “il primo punto del nostro programma”. Per il medico in pensione la vera priorità riguarda la medicina sul territorio: “L’unica soluzione per non congestionare inutilmente il pronto soccorso cittadino”.

“Anche durante la pandemia se fosse stata disponibile una rete di medicina territoriale molte cose non sarebbero accadute”. Per il candidato di “Piacenza Rinasce” la “conferma a quello che dico sono i risultati ottenuti dalle Usca quando hanno iniziato a intervenire a domicilio”.

Altra preoccupazione sollevata dai venticinque candidati consiglieri che fanno parte della lista civica nata in seguito alle proteste di piazza no Green pass è il futuro dell’attuale ospedale di via Taverna: “Portiamo l’università di medicina in lingua a Piacenza e trasferiamo l’ospedale a sette otto chilometri di distanza?” la domanda retorica di Botti.

Inoltre, per “Piacenza Rinasce” “non c’è nessun progetto riguardante la riconversione dell’attuale ospedale – spiega Botti – una via Roma ce l’abbiamo già a Piacenza, non ne sentiamo il bisogno di crearne un’altra”.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà