Val Tidone Festival, a Jeongro Park il premio dedicato a Enrica Prati

18 Luglio 2021

E’ andato al sud-coreano Jeongro Park il premio “Enrica Prati”, intitolato alla memoria della presidente di Telelibertà e vicepresidente di Editoriale Libertà, scomparsa nel 2015. Un riconoscimento sostenuto da Editoriale Libertà. Il primo premio del “Silvio Bengalli piano prize”, destinato al miglior pianista dei “Concorsi Val Tidone” invece non è stato assegnato. E questo perché i giurati e organizzatori hanno sempre puntato sulla qualità, sull’eccellenza assoluta. Ciò non toglie che l’edizione di quest’anno sia stata ugualmente di altissimo livello: secondo si è classificato Jeongro Park, terzo Mingsung Lee, e un ex-aequo al quarto posto per Maria Narodytska e Hee Jun Han. Sono molti i momenti clou del Val Tidone festival, alla sua 23esima edizione, ma il galà dei vincitori è uno dei momenti più alti della rassegna come si è reso evidente nella cerimonia di premiazione che si è svolta il 18 luglio al teatro Verdi di Castel San Giovanni davanti al numeroso pubblico. A presentarlo Livio Bollani, direttore artistico del festival. Fra i concorsi del Val Tidone il premio più prestigioso è senz’altro il “Silvio Bengalli piano prize”. La giuria, su oltre 50 candidati provenienti da tutto il mondo, ne ha selezionati 17, ma purtroppo quattro di questi non hanno potuto partecipare, per problemi dovuti alla pandemia.

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà