Studentessa molestata, anche i familiari chiedono il risarcimento

25 Gennaio 2013

Rito abbreviato per il professore d’informatica piacentino accusato di avere approfittato sessualmente di una studentessa quattordicenne promettendo buoni voti. La richiesta presentata da Paolo Veneziani avvocato difensone dell’insegnante: P. V., 46 anni, piacentino, era già stata accolta in un’udienza a dicembre. Il processo è stato rinviato al 15 febbraio. L’avvocato che rappresenta la vittima, Paolo Cattadori, ha chiesto la costituzione di parte civile. Sarà richiesto un risarcimento danni sia per i genitori che per la figlia minorenne, mentre l’offerta di denaro da parte dell’imputato è stata respinta.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà