Due ragazzi romeni tentano il furto di rame: un arresto e una denuncia

13 Aprile 2013

Approfittando della posizione defilata di una cascina, situata in località La Madonnina a Piacenza, due giovani romeni, rispettivamente di 17 e 18 anni, si sono introdotti nell’abitazione, con accanto una vasta area destinata a magazzino, in quel momento disabitata. I due giovani hanno preso di mira i cavi elettrici in rame: sfruttando alcuni mattoni in cemento come gradini hanno sradicato l’impianto elettrico dal muro.
Un cittadino di passaggio ha notato uno dei due malviventi scavalcare la recinzione e ha lanciato l’allarme al 113.
Gli agenti sono intervenuti sul posto bloccando con le automobili le possibili vie di fuga dei ladri e li hanno sorpresi nel giardino mentre accatastavano la refurtiva, una matassa di rame già pronta ad essere trasportata.
I ragazzi hanno tentato di scappare nei campi, ma sono stati raggiunti dai poliziotti e bloccati, nonostante avessero opposto resistenza all’ammanettamento. Il 17enne, incensurato, è stato denunciato per furto in concorso in abitazione aggravato e resistenza a pubblico ufficiale. Le stesse accuse sono state rivolte al 18enne, con alle spalle precedenti specifici, per il quale è scattato l’arresto. Il processo per direttissima si terrà questa mattina al tribunale di Piacenza.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà