Telecamere sugli autobus: lo chiede il sindacato Faisa per garantire più sicurezza

15 Aprile 2013

Molti elogi e solo quattro reclami. Sembra potersi chiudere così il caso dell’autista che avrebbe fatto scendere una quarantina di ragazzi dalla corriera alla Galleana, dopo ripetuti scherzi. Caso che ha sollevato un polverone, come se si fosse scoperchiato il vaso di Pandora, con segnalazioni di atti di vandalismo sui mezzi. «Solo quattro reclami sono stati presentati, e saranno valutati attentamente – fanno sapere da Seta -. L’azienda avrà tempo 45 giorni per avviare un eventuale procedimento disciplinare». Il sindacato Faisa ha chiesto l’adozione di provvedimenti che tutelino il personale, come l’installazione di alcune telecamere sui mezzi, per arginare le azioni di teppisti e vandali. «A Modena hanno dato ottimi risultati – dice ancora Seta -, le telecamere interne sono possibili, ma la questione è ancora una volta quella dei costi». Costi che, stando a una prima stima, potrebbero aggirarsi sui 7mila euro a mezzo.

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà