Castelvetro, tentano il colpo in villa. Arrestati due giovani grazie ai cittadini

22 Aprile 2013

Si sono introdotti in un’abitazione scassinando la finestra con un cacciavite ma i movimenti sospetti della giovanissima coppia di malviventi non sono sfuggiti ai vicini di casa che hanno contribuito alla loro cattura: l’episodio è avvenuto ieri pomeriggio in una zona residenziale di Castelvetro piacentino dove una 22enne e un minore di 17 anni, entrambi di origine croata e senza fissa dimora, sono stati bloccati dai carabinieri. A lanciare l’allarme sono stati i residenti della zona che hanno notato i due ragazzi e hanno chiesto loro chi cercassero nella villetta, in quel momento disabitata; il 17enne ha risposto che doveva incontrare un uomo, il cui nominativo era indicato sul campanello, in realtà deceduto da oltre tre anni. I vicini di casa hanno compreso che si trattava di una scusa e hanno preso contatto con le forze dell’ordine, tenendo d’occhio la direzione presa dai due giovani che, nel frattempo, si erano dati alla fuga. Poco dopo i carabinieri di Monticelli li hanno individuati e arrestati: entrambi i ragazzi erano pregiudicati per reati contro il patrimonio, la 22enne è stata processata questa mattina per direttissima e condannata a 8 mesi di reclusione, pena sospesa, mentre il 17enne è stato posto sotto la tutela della Procura dei Minori di Bologna.

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà