Via Degani, il comandante Rota Gelpi: “Siamo fiduciosi”

09 Agosto 2013

20130808-224538.jpg

Il comandante Provinciale dei Carabinieri di Piacenza col. Paolo Rota Gelpi si è detto fiducioso di arrivare in tempi brevi alla risoluzione del giallo della morte di Giorgio Gambarelli, trovato morto nell’appartamento di via Degani sabato 27 luglio. Abbiamo incontrato il comandante, prossimo a lasciare Piacenza alla volta di Milano, al saluto con il sindaco cittadino Paolo Dosi: “Abbiamo messo in campo tutte le forze e la professionalità a nostra disposizione, siamo fiduciosi di arrivare rapidamente alla risoluzione del caso”.

NOTIZIA DELLE 7
L’assassino di Giorgio Gambarelli potrebbe averlo aggredito nelle prime ore del pomeriggio di sabato 27 luglio, lo stesso giorno in cui il suo corpo, privo di vita, è stato ritrovato dalle forze dell’ordine nell’appartamento di via Degani.
L’ora del delitto non è ancora stata stabilita con precisione; l’esame autoptico, eseguito sul corpo della vittima, ha rilevato che la temperatura corporea era di 36 gradi.
Un elemento determinato dal caldo intenso di quei giorni che avrebbe impedito al corpo di raffreddarsi e al medico legale di risalire con esattezza al momento del decesso; al tempo stesso proprio l’elevata temperatura potrebbe indicare che il 67enne sia stato ucciso poco dopo l’ora di pranzo, quando la calura era particolarmente accentuata.
Tutti i dettagli su Libertà in edicola oggi.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà