Alessia Ruggi e Giacomo Carini superstar del nuoto: sono “ambasciatori dello sport”

21 Settembre 2013

20130921-105338.jpg

Il 2013 di Alessia Ruggi e Giacomo Carini non finisce più di regalare soddisfazioni: dopo i fenomenali risultati ottenuti in vasca nella categoria Ragazzi anche in ambito internazionale, i nuotatori biancorossi sono infatti stati nominati “Giovani Ambasciatori dello Sport”. Un ruolo prestigioso affidato ai due atleti piacentini dal presidente nazionale del Coni, Giovanni Malagò, che lunedì 23 e martedì 24 settembre ospiterà Giacomo ed Alessia a Roma, insieme ad altri giovani atleti italiani, per una due giorni che si preannuncia davvero ricca di appuntamenti.

Lunedì 23 settembre, infatti, i due nuotatori parteciperanno ad un programma formativo presso il centro di preparazione olimpica dell’Acqua Acetosa “per imparare – come precisato da Malagò nell’invito indirizzato a Giacomo e ad Alessia – a diffondere tra i giovani i valori positivi dello sport, del fair play e della correttezza”. Successivamente, presso il Salone d’Onore del Coni, Alessia Ruggi e Giacomo Carini, selezionati anche per le medaglie conquistate ad Utrecht al Festival Europeo della Gioventù Olimpica, verranno ufficialmente investiti da Malagò del ruolo di “Giovani Ambasciatori dello Sport”.
Martedì 24 settembre, inoltre, i due atleti piacentini, entrambi allenati dallo staff tecnico della Vittorino guidato da Gianni Ponzanibbio, parteciperanno alla cerimonia d’apertura dell’anno scolastico che si svolgerà al Quirinale alla presenza del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.
“Siamo onorati di questo ruolo che ci verrà affidato dal Coni – precisano Alessia e Giacomo – e al tempo stesso anche emozionati per l’idea di poter incontrare e conoscere Giovanni Malagò e il Presidente Giorgio Napolitano. E’ una responsabilità che accettiamo con grande entusiasmo, e cercheremo di onorare questo ruolo con impegno, serietà e con la stessa passione con cui pratichiamo il nostro sport preferito”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà