Lite in via Pozzo, residenti esasperati: “Un inferno dantesco”

21 Settembre 2013

Urla e schiamazzi fino a tarda notte, persone ubriache, escrementi umani lasciati sotto le finestre delle palazzine o sulle autovetture posteggiate lungo la strada; è il ritratto di una giornata, o per meglio dire, una serata qualunque, dipinto dai residenti di via Pozzo, esasperati dal degrado in cui versa tutta l’area di via Roma.
Secondo alcuni testimoni il copione si è ripetuto anche ieri notte; tra gli avventori del bar sarebbe scoppiata una furiosa lite e alcuni cittadini, svegliati dal baccano, hanno chiesto l’intervento della volante; nel frattempo i responsabili del parapiglia si erano però dileguati e gli agenti non hanno riscontrato alcuna anomalia.
Un residente di via Pozzo si è sfogato ai microfoni di Telelibertà: “Vivere qui è come essere nell’inferno dantesco, la notte è impossibile dormire, al mattino troviamo urina e bottiglie rotte ovunque – ha spiegato –. Non ci sentiamo sicuri”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà