Piacenza

Atlantis: due anni di cassa integrazione. I dipendenti vogliono una coop

18 ottobre 2013

Il Ministero del Lavoro ha approvato altri due anni di cassa integrazione per l’Atlantis di Sariano di Gropparello, che faceva parte fino al marzo scorso di uno dei sette stabilimenti della società torinese Azimut, nata nel 1969 e trasformatasi in Azimut Benetti nel 2004. Sono coinvolti più di cento lavoratori. «Tutto è fermo, non è stata accettata la richiesta di acquisizione di un imprenditore di Gossolengo – spiega il sindacalista Floriano Zorzella della Cgil -. Il capannone è vuoto, crescono le erbacce. I lavoratori stanno proseguendo nel tentativo di costituire una cooperativa di tutela e valorizzazione del territorio, con l’aiuto dei Comuni e delle istituzioni». L’idea sarebbe quella di un progetto che, partendo da un’attività di informazione e assistenza, si caratterizzi per il protagonismo di persone in difficoltà lavorativa pronte ad associarsi per contrastare il degrado di comunità (ad esempio in termini di dissesto idrogeologico) nelle quali né la mano pubblica né l’imprenditoria ordinaria sono in grado di assicurare, da sole, i servizi e le occasioni di lavoro. Un progetto da sviluppare con la squadra delle istituzioni piacentine, che ha trovato anche l’apprezzamento dell’assessore regionale alla Protezione Civile e alla Difesa del Suolo Paola Gazzolo.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza Provincia Video Gallery

NOTIZIE CORRELATE