Piacenza

Minaccia di morte l’ex compagna e il figlio: nei guai un 40 enne

21 ottobre 2013

Voleva avere solo per sé il figlio nato dalla relazione con una 22enne di origine bulgara, nonostante non avesse riconosciuto il piccolo dopo la nascita; una brama di possesso, condita da minacce di morte per l’ex compagna e il neonato, sfociate in due aggressioni e accompagnate da centinaia di mail e sms.
Questa è la storia di persecuzione raccontata oggi dagli agenti della Divisione Anticrimine della Questura di Piacenza e che è costata a un operaio 40enne italiano, residente in una provincia limitrofa, una misura cautelare di divieto di comunicare e di avvicinamento ( 200 metri ) dalla residenza e da qualsiasi luogo frequentato dalla vittima, pena l’arresto.
L’ultima violenza è avvenuta dieci giorni fa; l’uomo aveva aggredito la giovane mentre accompagnava il piccolo all’asilo, con spinte e colpi, ma lo stalking era iniziato la primavera scorsa, quando la ragazza aveva messo fine alla relazione dopo aver scoperto che il compagno aveva già famiglia e figli in un’altra città.
Secondo quanto riportato dalla 22enne ai poliziotti, l’ex compagno aveva prima insistito per farle interrompere la gravidanza, salvo poi avanzare pretese sul figlioletto e renderle la vita impossibile.
La giovane madre non si è lasciata intimorire e si è rivolta alle forze dell’ordine, che hanno segnalato la situazione ai servizi sociali, per la condizione d’indigenza in cui vive la ragazza – disoccupata – e al tribunale dei minori di Bologna, poiché l’uomo aveva minacciato anche l’incolumità del piccolo.
Gli atti sono stati trasmessi al tribunale di Piacenza che ha immediatamente notificato la misura cautelare; si tratta del primo provvedimento nella nostra provincia dopo l’approvazione della legge sul femminicidio.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza Video Gallery

NOTIZIE CORRELATE