Incastrato dai pentiti, 47enne di Cortemaggiore assolto dopo 17 anni

16 Gennaio 2014

20140115-210814.jpg

Ci sono voluti ben diciassette anni per arrivare all’assoluzione di un 47enne piacentino. Nel 2006 l’uomo aveva ricevuto una condanna per detenzione di cocaina a quattro anni e due mesi (per accuse risalenti al 1996) sulla quale avevano pesato le dichiarazioni di due collaboratori di Giustizia. Nei giorni scorsi però è arrivata l’assoluzione pronunciata dai giudici della Terza Sezione della Corte d’Appello di Bologna. L’incubo per un barista di 47 anni di Cortemaggiore è dunque finito. “I giudici bolognesi hanno creduto alle nostre tesi, le testimonianze dei collaboratori di giustizia erano state contraddittorie e imprecise e i magistrati d’Appello ci hanno dato ragione” ha spiegato ieri l’avvocato Massimo Brigati che assiste il 47enne. I dettagli oggi su Libertà.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà