Ici e Imu: evasione da 3 milioni. Gazzola: “Controlli vanno intensificati”

2 aprile 2014

Luigi Gazzola

Il Comune di Piacenza ha incassato oltre 3 milioni di euro per l’evasione di Ici e Imu dal 2010 ad oggi. È questo il dato nuovo (rispetto a quelli messi in evidenza ieri) che arriva dall’assessore al bilancio Luigi Gazzola. “I cittadini sono stati virtuosi rispetto ad altre città della regione – ha commentato Gazzola – ma i controlli devono essere comunque incrementati”.

Per quanto riguarda l’evasione fiscale in generale, negli ultimi quattro anni sono state trasmesse 476 segnalazioni all’Agenzia delle Entrate e 9 alla Guardia di Finanza, così suddivise: il 2% relative a residenze fiscali all’estero; il 3% riguardanti urbanistica e territorio; il 15% in merito a commercio e professioni; il 16% su beni indicanti capacità contributiva; il 64% in materia di proprietà edilizia e patrimonio immobiliare. In quest’ultimo settore, in particolare, sono state oggetto di attenzione le rendite e i canoni di locazione non dichiarati. In termini di redditività, il primato va invece al settore urbanistica e territorio, che ha generato circa il 90% della maggiore imposta accertata”.

Il dato complessivo, prodotto dalle segnalazioni trasmesse dal Comune di Piacenza, è di 1.481.903 euro. Ad oggi gli incassi non superano però i 103.201 euro, a causa dei ricorsi presentati dai cittadini interessati contro gli avvisi di accertamento emessi dall’Agenzia delle Entrate.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca

NOTIZIE CORRELATE