Condanna per molestie alla figliastra, la Cassazione annulla il processo

06 Agosto 2014

20140806-013209.jpg

Il processo a carico di un 50enne, accusato di avere molestato la figliastra e tre amiche, condannato a sei anni in primo grado dal nostro Tribunale, è da rifare. La pena era stata successivamente ridotta dalla Corte d’Appello di Bologna a quattro anni e sei mesi.

Ora è la Corte di Cassazione a decidere l’annullamento della condanna e a stabilire il rinvio del procedimento davanti ai giudici di una sezione della Corte d’Appello diversa da quella che si è già espressa sul caso. Una delle ragazze, al tempo dei fatti (che risalgono al 2007), aveva sedici anni. L’uomo è difeso dall’avvocato Mauro Pontini. Il legale ha puntato la sua arringa sull’inutilizzabilità di alcune dichiarazioni di testimoni che a suo parere sarebbero state inserite nel fascicolo processuale in un tempo successivo alla chiusura delle indagini.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà